Da Urban Fantasy per Dreamland

L’autrice meranese, penna sensibile, a tratti onirica, a partire dalle proprie passioni e radici, riesce a creare una storia che è altro da sé, a differenza del proliferare di narcisismi letterari, soprattutto alla fine del Novecento.  Mixa magia, storia, sacro e profano immettendo una dose erudita, come per Amajlia, indagando ciò che va oltre le apparenze, senza “pasticciare” sul tema religioso, anzi toccando una questione spinosa e di grande attualità qual è quello delle lotte per l’affermazione di una fede (e diciamo pure, di un’ideologia). Lotta che spesso il vero amore, inteso come sentimento totalizzante, supera, mostrando come a volte il cuore sia più forte e sensato della ragione.

Annunci